top of page

Perche Montenapoleone

Questa via è oggi la strada più lussuosa d'Europa per il Main Steet (società americana), battuta solo dalla Fifth Avenue.

Ma perchè si chiama così?

Bisogna andare a ritroso nel tempo: questo quartiere pullulava letteralmente di conventi, monasteri per lo più femminili circondati da ampi chiostri e orti (l'hotel Four Season di oggi ne è ancora esempio lampante se si osserva il chiostro).

Ed erano davvero molti. Grandi e più piccoli.

Erano i Borghi di Sant’Andrea, del Gesù, del Santo Spirito (nomi che si rifacevano ai monasteri) e di quello che, più tardi, fu chiamato Borgospesso dove in seguito nell’Ottocento, vi furono costruiti molti edifici ad uso abitativo per la ricca borghesia.

Durante il governo di Maria Teresa d'Austria, qui fu istituito il Monte Camerale di Santa Teresa, banco destinato alla gestione del debito pubblico, che denominó la strada come Contrada del Monte di Santa Teresa fino al 1796 quando il banco chiuse, finchè nel 1804 arrivó Napoleone, che fece riaprire la banca con il proprio nome (Monte Napoleone), ribattezzando la via in Contrada Monte Napoleone.

Alla fine del 1800 qui iniziarono ad arrivare le prime botteghe del lusso e le case di moda per venire incontro all'esigenza della borghesia che venne ad abitare tra contrada Borgospesso e Corsia Dei Giardini, (oggi via Manzoni) per via dei numerosi giardini preesistenti dei monasteri, botteghe del lusso e case di moda che iniziarono a sfoggiare qui le proprie creazioni.

Il fondatore di una famosa azienda di valigie tutt'ora esistente, raccontava di quando era garzone di una pelletteria in periferia: quando il padrone gli chiedeva di fare consegne in Montenapoleone, prima di recarsi nella via era necessario darsi una ripulita e indossare "l'abito buono", perchè qui una volta c'era il "rispetto del luogo", che veniva visto con molta reverenza; altre abitudini altra educazione di un tempo ovviamente , dove giacca e cravatta erano necessarie anche per svolgere i lavori più umili qui (le foto d'epoca lo testimoniano).

Era infatti conosciuto come "El Quartier de Riverissi’ soprannome dialettale attribuito a tutto il quartiere, in riferimento all’usanza dei milanesi di togliersi il cappello in segno di riverenza quando passeggiando per strada qui incrociavano le ‘signore-bene’.

A partire dagli anni cinquanta via Monte Napoleone si impone come una delle vie più importanti del commercio di lusso mondiale, ruolo che mantiene tuttora.


Commentaires


bottom of page